Passa ai contenuti principali

Kitchen - Banana Yoshimoto

Primo libro scritto da Banana Yoshimoto e anche primo libro della Yoshimoto da me letto.
Contiene anche uno dei racconti più belli che abbia mai letto, Moonlight shadow.
La protagonista di 'Kitchen' è Mikage, una ragazza che da poco ha perduto sua nonna, ultimo membro della sua famiglia. Mikage si ritrova quindi sola al mondo.
Fortunatamente la famiglia è anche quella che si crea, con persone incontrate a volte per caso.
Mikage incontra Eriko, una cliente/conoscente di sua nonna, che le propone di andare a vivere con lei e suo figlio Yuichi.
Grazie a loro e alla sua passione per la cucina, cercherà di ricominciare una nuova vita.

Anche in 'Monlight shadow' la protagonista, Satsuki ha perso una persona cara, ovvero il suo fidanzato Hitoshi in un incidente stradale.
Satsuki cerca di reagire allo shock facendo jogging e un giorno incontra una ragazza, Urara, che le svela che a breve dal ponte sul fiume avverrà un fenomeno che le permetterà di poter rivedere una persona cara perduta.

Le anime sono davvero così connesse?
E' vero che non ci lasciano mai?

Lo stile di Banana Yoshimoto ci permette di addentrarci con disinvoltura in temi dolorosi e intensi; ha la capacità di sfiorare l'anima del lettore, col suo stile così semplice e delicato fornisce chiare immagini di ciò che stiamo leggendo e viviamo le vicende come se fossimo immersi in un sonno profondo.

Lo so con certezza. Era il cristallo scintillante dei tempi felici, riaffiorando all'improvviso dal sonno profondo della memoria, che ci aiutava ad andare avanti. Il profumo di quei giorni tornava a spirare nella mia anima come un fresco soffio di vento. 

Post popolari in questo blog

Homme de Couleur - Léopold Sédar Senghor

Cher frère blanc,
Quand je suis né, j'étais noir,
Quand j'ai grandi, j'étais noir,
Quand j'ai peur, je suis noir,
Quand je vais au soleil, je suis noir,
Quand je suis malade, je suis noir.

Quand tu es né, tu étais rose,
Quand tu as grandi, tu es devenu blanc,
Quand tu vas au soleil, tu deviens rouge,
Quand tu as froid, tu deviens bleu,
Quand tu as peur, tu deviens vert,
Quand tu es malade, tu deviens jaune,
Quand tu mourras, tu seras gris.

Alors, de nous deux
Qui est l’homme de couleur?


Caro fratello bianco, 
Quando sono cresciuto, ero nero,
Quando sto al sole, sono nero,
Quando sono malato, sono nero,
Mentre tu, uomo bianco,
Quando sei nato, eri rosa,
Quando sei cresciuto, eri bianco,
Quando vai al sole, sei rosso,
Quando hai freddo, sei blu,
Quando hai paura, sei verde,
Quando sei malato, sei giallo,
Quando morirai, sarai grigio.
Allora, di noi due,
Chi è l’uomo di colore? Quando sono nato, ero nero,
Quando morirò, io sarò nero.
Poesia studiata alle medie che non ho più dimenticato.

The Classics Book Tag

1. An overhyped classic you really didn't like "Cime tempestose" - Emily Bronte (Wuthering Heights) 
Amo le storie romantiche, non esattamente zuccherose ma devono assolutamente avere un lieto fine.  Inoltre Catherine Earnshaw è proprio insopportabile, e lo dice una che adora Rossella O'Hara! Credo che più di tutto, non le abbia mai perdonato l'aver trattato a quel modo il povero Heathcliff. 



2. Favorite time period to read about
Dato che la mia autrice preferita è Jane Austen, potrei rispondere i romanzi ambientati nell'800 ma in realtà mi piacciono le belle storie, non importa in che periodo storico siano ambientate o siano state scritte. 
3. Favorite fairy-tale    
Da piccola non mi piacevano le favole o cartoni con principesse, preferivo quelle i cui protagonisti erano degli animali. Quella che preferivo era "I musicanti di Brema" dei fratelli Grimm. Una storia davvero simpatica con un asino un cane, un gatto e un gallo. 

4. What is the most embaressed …

Braccialetti Azzurri - Albert Espinosa

Titolo originale: El mundo azul. Ama tu caos
Autore: Albert Espinosa
Data di pubblicazione: Maggio 2015
Editore: Salani editore
Traduttore: Silvia Bogliolo
Pagine: 224

Se anche voi avete letto Braccialetti rossi e lo avete amato, correte in libreria, vi aspetta un altro pezzo di cuore.
Si parla di morte ma anche di vita e sempre ricco della positività che contraddistingue Espinosa.
'Ama il tuo caos', ho sempre desiderato sentirmelo dire ed ecco qua, un libro tutto per me.
Sarà come fare un breve viaggio in un altro mondo, viaggiare all'interno di noi stessi, imparando ad accettarci e ad accettare gli altri così come sono, amando il nostro e il loro caos.
Non vi dirò altro perché questo viaggio dovrete farlo da soli, ma non preoccupatevi perché conoscerete delle belle persone che vi lasceranno dei preziosi insegnamenti.



"Sì, rischia. Questa è sempre la risposta."
"No, non vivremo mille anni: vivremo un giorno. E poi un altro, e un altro ancora..."